ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vedi tutti

Fenomeno Patricia Field: la stylist di Carrie Bradshaw e di Emily Cooper

Cosa accomuna i look di Sex and the City a quelli di Emily in Paris?

Fenomeno Patricia Field: la stylist di Carrie Bradshaw e di Emily Cooper Cosa accomuna i look di Sex and the City a quelli di Emily in Paris?

Nella moda esistono tante leggende e, tra queste, c'è anche Patricia Field, la stylist che ha creato tutti i look di Sex and the City e che oggi firma il guardaroba di Emily in Paris. Correva l'anno 1998 quando tutte emulavano i giochi di styling di Carrie Bradshaw, la giornalista di New York che mixava abiti da 10 dollari a costosissime scarpe di Manolo Blahnik e che portava il tulle con una nonchalance per il daily wear. Ma copiavano anche lo stile bon ton di Charlotte York, con le sue gonne stampate e le sue collane di perle stile Park Avenue, l'attitude sexy di Samantha Jones, tutta color rosso e animal print, e la versione "da lavoro" di Miranda Hobbes, che ha riportato in auge la cartelletta e la gonna pareo lontana dalla spiaggia.

Oggi, invece, la generazione Z vede in Emily Cooper, interpretata da Lily Collins, la nuova alternativa alla Bradshaw, per niente "ringarde", piuttosto un mix calibrato tra l'armadio della sex expert anni Novanta e lo stile dell'Upper East Side alla Gossip Girl. Il linguaggio fashion di Emily mastica una versione dello stile Carrie ma più 2.0, grazie a un sapiente mix di prêt-à-porter e di pezzi vintage in mise all'apparenza piuttosto improbabili ma che diventano subito outfit iconici. Un perfetto ibrido, insomma, tra la classica ragazza americana e lo stile tipicamente parigino, con una punta di Cenerentola che, al posto di Blahnik, predilige la suola rossa di Louboutin. Così, non abbiamo potuto fare a meno di chiederci... vi sentite più confident nei panni di Carrie Bradshaw o di Emily Cooper?

 

Carrie: cinture, tulle, gioielli naming, gonne oltre il ginocchio e naked dresses

Carrie Bradshaw è una leggenda. Dalla prima all'ultima puntata di Sex and the City ha sfoggiato slip in lana per correre da una Avenue all'altra di Manhattan, ha optato per un abito nude - paragonato da Miranda a "tette su un toast" - per il primo appuntamento con Mr. Big, ha mixato righe e fiori, ha riportato in auge le décolleté bianche e ha reso iconica la Baguette di Fendi. Insomma, Carrie è Carrie e, insieme alle sue fedeli tre amiche, ha reso lo stile della New York non di élite una vera leggenda anche tra i guardaroba oltre Oceano. Il merito va al fatto che Patricia Field si è divertita a pensare a come una comune donna, nel suo tempo libero, potesse uscire vestita. Tutte, del resto, siamo scese a prendere il giornale in camicia da notte e felpa, abbiamo acquistato scarpe tre volte più costose di un abito e abbiamo sfoggiato maglie dalle scritte discutibili. Questo spiega perché lo stile della serie tv - non paragonabile agli eccentrismi, spesso esagerati, dei due film Sex and the City - continua a piacere e a ispirarci tutti i giorni, portandoci sempre a chiederci: oggi Carrie, cosa abbinerebbe con questa gonna o con questo copricapo?

 

Emily: look variopinti, mini skirts, stampa floreale e sneakers nel tempo libero

Emily Cooper è vivace, sicura di sé anche con indosso la stampa pitone abbinata a guizzi variopinti e al fucsia più squillante. Patricia Field ha voluto dare alla ragazza più corteggiata del momento uno stile vero e deciso, che spesso compie scivoloni di stile come il charm in ecopelliccia rosso più grande della borsa che si porta al braccio. Emily è sincera come Carrie Bradshaw, spesso indossa quello che trova nell'armadio ispirata dal gioco di styling del momento. E fa una cosa che la Carrie che tutte conosciamo non avrebbe mai fatto per nessuna ragione: far riposare gli stilettos per andare a prendere un mazzo di fiori o la colazione sotto casa, prediligendo un paio di comode scarpe da ginnastica. Ma del resto, lei, si è trasferita a Paris.

Sicuramente Patricia Field ha evoluto le tendenze, adattando ciò che ancora amiamo degli anni Duemila all'era in cui viviamo. I top in cotone senza spalline si sono tramutati in top crop, le gonne plissettate al ginocchio si sono fatte decisamente più corte, Chanel è tornato prepotentemente di moda, così come i calzettoni al ginocchio, le cinture strette in vita, gli stivaletti alla caviglia, i cappotti oversize, gli abiti da cocktail neri e l'immancabile basco à la française.