Calcola il tuo ascendente

Vedi tutti

5 curiosità che potresti non sapere sul Festival di Cannes

L'alone di mistero tipico della Croisette si prepara a tornare al centro della cinematografia mondiale

5 curiosità che potresti non sapere sul Festival di Cannes L'alone di mistero tipico della Croisette si prepara a tornare al centro della cinematografia mondiale

Mentre al Palais des Festivals vengono proiettati nelle sale i titoli più promettenti che la cinematografia mondiale ha da offrire, sul red carpet del Festival di Cannes star del cinema e celebrity stupiscono davanti a folle di fotografi, giornalisti e curiosi. Se lo Schiaparelli indossato da Bella Hadid lo scorso anno l’ha introdotta di diritto nel novero delle ospiti più audaci del festival, una giovanissima Brigitte Bardot nell’edizione del lontano 1953 si fece fotografare in bikini sulle spiagge di Cannes, quando quello striminzito capo d’abbigliamento era ancora considerato un tabù. Eppure il festival della Costa Azzurra porta con sé l’alone di mistero tipico degli eventi storici, esclusivi e glamour del Vecchio Continente. Ne abbiamo scoperti alcuni.

 

Una risposta al fascismo

Il Festival di Cannes nacque nel 1939 per volere di alcuni professionisti del cinema francese, britannico e americano, che si vollero allontanare dal Festival di Venezia che non nascondeva più le sue inclinazioni fasciste. Dopo un breve periodo di stop causato dalla Seconda Guerra mondiale, il festival francese riprese la programmazione nel 1946, dove tra gli altri venne presentato l’intramontabile Notorious di Alfred Hitchcock.

 

Un ospite felino

Se dopo il bikini floreale di Brigitte Bardot i telespettatori di tutto il mondo pensavano di aver toccato l’apice dello scandalo, qualche anno dopo un’italiana fece loro cambiare idea. Nel 1963, durante la sedicesima edizione del festival, Claudia Cardinale si fece immortalare sulla Croisette in compagnia di un sensuale ghepardo al guinzaglio. L’azione di marketing serviva a promuovere Il Gattopardo, che quell’anno valse la Palma d’Oro a Luchino Visconti.

 

Il dress code non è un consiglio

Gli organizzatori di uno dei festival cinematografici più importanti al mondo non sono flessibili quanto quelli del Met Gala, dove gli invitati giocano a chi si allontana di più dal tema. Le regole dicono che chi vuole calcare il tappeto rosso di Cannes deve indossare uno smoking con papillon (per lui, anche se fotografo) oppure un abito lungo con tacchi alti (per lei). Alcuni partecipanti negli scorsi anni non sono stati fatti entrare nelle sale proprio per aver infranto il dress code richiesto, mentre alcune star hanno cercato di boicottare le regole camminando con scarpe basse come Uma Thurman nel 2011 o a piedi nudi come Kristen Stewart nel 2018. Tra gli abiti invece più chiacchierati si ricordano un trasgressivo Jean-Paul Gaultier indossato da Madonna nel 1991 e lo spacco vertiginoso mostrato da Bella Hadid nel 2016. 

 

Il tappeto rosso è sostenibile

Per la sua settantacinquesima edizione il Festival di Cannes si prepara ad essere ancora più sostenibile. Nel 2021 i coordinatori della kermesse hanno cominciato a misurare le emissioni di anidride carbonica e a ridurre la produzione di rifiuti. Infatti, l’abbattimento dello spreco inizia proprio dal riutilizzo del red carpet: tra il 2019 e il 2021 il tasso di sostituzione della moquette è stato dimezzato, con un risparmio di 1400 chilogrammi di materiale, pari al 59% del volume totale della moquette solitamente utilizzata. 

 

Esclusivo ma non troppo

La leggenda secondo cui sia possibile accedere al Festival di Cannes solamente attraverso un invito o un accredito garantito alla stampa o alle personalità più in voga dello show-biz è falsa. È possibile ottenere un accredito al festival anche se si dimostra la propria incontenibile passione per il cinema. I cinefili di tutta Europa cercano ogni anno di stupire la commissione che vaglia le richieste di accredito con testimonianze e lettere motivazionali. Unica prerogativa: partire in anticipo. Se vuoi assistere alle proiezione del Festival di Cannes dovrai richiedere un accredito con qualche mese d’anticipo rispetto alla programmazione della kermesse.

Tra gli ospiti più attesi quest’anno ci sono Luca Marinelli e Alessandro Borghi - protagonisti del film in gara Le otto montagne -, ma anche Austin Butler, Anne Hathaway e Kristen Stewart. Si vocifera anche di un’apparizione a sorpresa di Lady Gaga che potrebbe cantare la colonna sonora di Top Gun. Una cosa è certa: anche quest’anno il confine tra il Festival de Cannes e il festival du scandale sarà molto labile.