ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vedi tutti

Burberry sceglie Anne Imhof per la sfilata SS21

Per la prima volta Riccardo Tisci invita un’artista a collaborare al processo creativo di uno show

Burberry sceglie Anne Imhof per la sfilata SS21 Per la prima volta Riccardo Tisci invita un’artista a collaborare al processo creativo di uno show

Il 17 settembre Burberry ha presentato la sua collezione SS21 in livestreaming su Twitch, la piattaforma leader del settore per quanto riguarda la trasmissione di eventi e competizioni di eSports. L’evento si è svolto senza ospiti, nella splendida cornice del paesaggio naturale britannico, con la partecipazione dell’artista tedesca Anne Imhof. È la prima volta da quando è da Burberry che Riccardo Tisci collabora con un artista al processo creativo di una sfilata. Anne ha lavorato all'allestimento circolare, all'interno del quale si è svolto uno spettacolo di modelli e performer.

L’essere umano ha sempre avuto un profondo legame con la natura: ha imparato a rispettarla e a sfruttarla per poter garantire la propria sopravvivenza, rimanendo ogni volta esterrefatto davanti alla sua incredibile bellezza. Oggi più che mai ci siamo accorti di quanto è importante ristabilire questa connessione. Per questa sfilata ho voluto celebrare l’antico legame tra uomo e Madre Natura, riunendo la nostra comunità intorno a un’esperienza creativa ambientata nella meravigliosa cornice naturale che ci offre la Gran Bretagna.

L’inedito duo formato da Anne e Riccardo, che unisce radicalmente moda e arte, esplora le tensioni che si creano tra unione e tradizione, naturale e artificiale, reale ed irreale.

View this post on Instagram

Anne Imhof for Interview

A post shared by Mark Peckmezian (@mark_peckmezian) on

Anne Imhof è nota per le sue performance di resistenza, dipinti e installazioni rivoluzionarie. Nel 2017, ha rappresentato la Germania alla 57a Biennale di Venezia trasformando il padiglione con Faust (vincendo il Leone d'oro per la migliore partecipazione nazionale): un gruppo di performer vestiti con abiti streetstyle si muoveva senza sosta all’interno di uno spazio trasparente, rappresentando "soggetti in lotta perenne con la propria oggettivazione". 

Una curiosità? Eliza Douglas, modella androgina famosa per essere una delle muse di Demna Gvasalia, è partner e collaboratrice di Imhof e partecipa a tutti i suoi ultimi lavori.