ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vedi tutti

Nick Knight dipinge di luce e poesia la nuova collezione Couture di Valentino

Con "Of Grace and Light" l’haute couture incontra l’arte digitale per creare un momento di pura magia

Nick Knight dipinge di luce e poesia la nuova collezione Couture di Valentino Con Of Grace and Light l’haute couture incontra l’arte digitale per creare un momento di pura magia

A due settimane dalla prima Paris Digital Fashion Week dedicata all’alta moda, Valentino presenta la propria collezione Fall 2020-2021 Couture dipingendo all’interno degli studi di Cinecittà un tableau vivant fatto di luce e poesia. Pierpaolo Piccioli porta in scena 16 capi bianchi, dalle silhouette ingigantite, vaporose sculture di taffettà e glitter della consistenza delle nuvole che, come per magia, emergono dal buio totale della sale grazie ai giochi di luce proiettati da Nick Knight. Come simboliche tele immacolate su cui ricostruire il futuro della moda, l’artista inglese proietta forme, motivi e stampe ispirate ai quattro elementi. 

In una conferenza stampa via Zoom, Piccioli ha spiegato che la nascita di questi look è la risposta estrema alle difficili circostanze di isolamento dei mesi passati. Nell'impossibilità di ricorrere agli abili sarti, l’arte digitale di Knight ha creato stampe e ricami, così come la Fata Madrina di Cenerentola ha cucito per magia l’abito da ballo di Cenerentola. La collezione è nata durante il lockdown come una sorta di riflessione sul concetto di umanesimo da un dialogo tra Piccioli e Knight, tra l’haute couture e l’arte digitale. Lo racconta lo stesso designer:

Attraverso la storia, i momenti di ripristino o riavvio, invariabilmente si pongono al centro i valori umani. L’umanesimo è il seme della rinascita. Questo è uno di questi momenti. Concentrarsi sulla moda come attività profondamente umana di dare forma alla materia attraverso le mani, modellando creazioni che il corpo abita e dà vita. Siamo finalmente vicini e pronti a sognare insieme. Con amore. 

Tra piume, fiori, fiocchi e colori, le modelle sono sospese come fate acrobate, posizionate come bellissimi uccelli su altalene e hula hoop, mentre la musica di Fka Twigs dà voce a questo sogno. Indossano vere e proprie opere d’arte: l’abito bustier in taffettà e quello in chiffon e piume; l’abito a sbuffo plissé; il cappotto di tundra, organza e tulle bianco con volant; l’abito fourreau di organza avorio con cappuccio; l’item in tulle nude ricoperto di frange di paillettes e filo giapponese iridescente. Tutti lunghissimi, con metri di ruches e tessuto.

La nostra fonte di ispirazione è stata Loie Fuller, incredibile pioniera della danza moderna, che ha influenzato il movimento Art Nouveau, che a sua volta si riflette nella libertà, eleganza e grazia di questa collezione di Pierpaolo per Valentino. - ha svelato Knight - Pierpaolo ed io volevamo creare un Rinascimento della moda, totalmente liberi di parlare un linguaggio basato sulla bellezza e la fantasia.

Mariacarla Boscono, Vittoria Ceretti e le altre modelle sospese in aria come angeli, come acrobate eteree avvolte in lunghi abiti candidi che prendono vita illuminandosi di colori e forme, rievocano le immagini vintage di Le Cirque de la Lune, di film diretti da Robert Z. Leonard come The Great Ziegfeld e Bright Lights, ballerine iconiche come Harriet Hoctor e Loie Fuller, le illustrazioni di MuchaToulouse-Lautrec ma anche i frammenti più onirici delle opere di Federico Fellini.