Calcola il tuo ascendente

Vedi tutti

Come sopravvivere a San Valentino in zona gialla

Quest'anno vale tutto

Come sopravvivere a San Valentino in zona gialla Quest'anno vale tutto

Come non ricordo mai con precisione cosa ho fatto a Capodanno, allo stesso modo c’è sempre una sorta di nebbia a circondare i fantasmi dei San Valentino passati. Non perché ci fosse effettivamente qualcosa da dimenticare, ma perché il 14 febbraio per me - e per moltissime ragazze della mia generazione - è un giorno come un altro. Disilluse, realistiche, non particolarmente romantiche o sognatrici, quel giorno non ha mai coinciso con grandi appuntamenti simili a quelli che si vedono nei film, fatti di rose rosse e cene al lume di candela, quanto di continui e disperati tentativi di evitare appuntamenti, soprattutto prime uscite, in quel fatidico giorno. 

L'anno appena trascorso, però, ha rimescolato le carte in tavola, facendoci venire dubbi (e una grande nostalgia) per la nostra vita di prima. Per evitare di crogiolarsi nel ricordo di 14 febbraio passati, soprattutto se all’epoca fidanzate ed oggi single, o all’epoca semplicemente in grado di condurre una vita normale, tocca correre ai ripari. Se lo scorso anno ero stata parecchio spietata nei giudizi e nei consigli per passare un buon San Valentino, evitando allo stesso modo situazioni troppo romantiche e scappatelle poi ingiustificabili, quest’anno mi sento molto più benevola e condiscendente, tanto che, alla luce del 2020 appena passato, neanche un primo appuntamento il 14 febbraio mi sembra un’idea così cattiva. Siamo impazzite del tutto? 

Tra DPCM, zone di diverse gradazione di colore e coprifuoco, San Valentino 2021 offre molteplici possibilità, da commisurare con il grado di intimità che condividete (o che vorreste raggiungere) con il partner in questione. Se ve la sentite - ma dovete essere davvero sicure - potete organizzare una gita fuori porta, nei limiti della vostra regione, un bel giretto lontano dalla città il cui culmine coinciderà con un pranzo informale che scioglierà ogni indugio sui programmi del pomeriggio grazie all’amaro offerto dal cameriere. Pro tip: il consiglio è quello di viaggiare in auto, così che se l'amaro dovesse far scaturire pensieri maliziosi avrete un posto sicuro in cui assecondarli. 

Se la prospettiva di una giornata intera da passare insieme vi sembra troppo, si può ripiegare sul pranzetto in città, informale, tranquillo, senza troppe pretese, o su una cena casalinga. L’aperitivo lo escluderei a priori viste le difficili modalità e le restrizioni d’orario, o anche solo per il fatto che cappotti e giacche varie nasconderebbero il vostro outfit pazzesco. Sul fronte cene si aprono una moltitudine di possibilità: da te, da lui, cucini tu, cucina lui, ordiniamo? Una cosa è certa: se vorreste che la cena continuasse anche dopo il dessert (e il coprifuoco), avete la scusa perfetta per restare a dormire (non serve certo che vi spieghi cosa intendo). Il programma c'è già tutto, dovete ammetterlo, consapevoli comunque che se la serata non dovesse andare come previsto sareste disposte ad affrontare un esercito intero di polizia e carabinieri pur di tornare a casa vostra. 

Nel caso in cui quest'anno pandemico vi avesse privato di tutta la voglia di interagire con l'altro sesso - sensazione comprensibilissima per altro - qui le possibilità sono ancora più numerose: videocall con le amiche, pranzi, aperitivi e cene con loro, serate in casa con i vostri sex toys e un bel bicchiere di vino, una sana sessione di sexting con il puntello che abita fuori regione, un appuntamento al buio su Clubhouse, facendovi incantare solo dalla voce di uno sconosciuto, il brivido di riscaricare Tinder per vedere chi è rimasto - quasi certamente il fidanzato della vostra amica, che assicura però di essere lì per errore. 

Senza eventini open bar, aperitivi, serate in discoteca, e tutte quelle occasioni di interazione umana nella vita di prima, non resta che ingegnarsi per sopperire alla mancanza di contatto umano e fisico, sempre che ne abbiate ancora voglia. Ciò che è certo è che dopo un anno praticamente in panchina abbiamo voglia di uscire e di fare casino, il 14 febbraio come qualsiasi altro giorno dell'anno.