ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vedi tutti

5 cose da sapere su Margaret Qualley, la star di MAID

Chi è la stella emergente del cinema americano?

5 cose da sapere su Margaret Qualley, la star di MAID Chi è la stella emergente del cinema americano?
Once upon a time in Hollywood
Fosse/Verdon
The Leftovers
The Leftovers
Once upon a time in Hollywood
The nice guys
My Salinger year
Fosse/Verdon
Fosse/Verdon

Se non avete ancora visto MAID perché siete ancora in fissa con Squid Game, smettete di fare qualsiasi altra cosa, andate su Netflix e schiacciate play. Perché questa miniserie è un bellissimo pugno allo stomaco che vi terrà incollati allo schermo. La storia, creata da Molly Smith Metzler (già autrice di Orange is the New Black) e basata memoir di Stephanie Land Maid: Hard Work, Low Pay, and a Mother’s Will to Survive, segue le travagliate vicende (e innumerevoli sfighe) di Alex, "una ragazza incastrata in una relazione tossica con un compagno alcolista, da cui cerca di fuggire insieme alla figlioletta di tre anni, cercando di rimettere insieme i pezzi della sua vita lavorando come colf e provando a trovare una qualche serenità in un mondo di relazioni difficili, non ultima quella con la madre".

A rendere ancora più speciale la hit di Netflix non è solo la misura, la grazia con cui parla di temi difficili come l’abuso emotivo, le relazioni tossiche, la difficoltà di sopravvivere o la malattia mentale, ma è Margaret Qualley, l’attrice emergente che interpreta la protagonista.  C’è qualcosa di assolutamente irresistibile in questa giovane talentuosa: i suoi enormi occhi azzurri, il volto bellissimo e super espressivo, la fisicità che qualcuno ha definito da elastic girl, la capacità di emozionare, un misto di grazia e goffaggine,…

Ecco 5 cose che dovete assolutamente sapere su Margaret.

 

Sua madre è un’icona del cinema anni '80-'90

Se avete letto una qualsiasi recensione di MAID, sicuramente saprete che l’attrice che interpreta la madre di Alex nella miniserie è la vera mamma di Margaret Qualley. La talentuosa ventiseienne, infatti, è la figlia dell’ex modello Paul Qualley e di Andie McDowell, icona del cinema anni ‘80-’90. Anche se negli ultimi tempi McDowell è per lo più conosciuta per aver recitato nella hit di Netflix e per essere una delle tante brand ambassador di L’Oréal Paris, qualche decennio fa era popolarissima. Dopo un periodo come modella, ha esordito nel ruolo di Jane in Greystoke: The legend of Tarzan, collezionando poi una lunga lista di commedie romantiche come Sesso, bugie e videotape, Ricomincio da capo al fianco di Bill Murray, Mi sdoppio in 4 con Michael Keaton, Michael con John Travolta nei panni di un trasandato angelo e il cult con Hugh Grant Quattro matrimoni e un funerale

 

Ha un background come ballerina 

Fosse/Verdon
Fosse/Verdon
Fosse/Verdon
The Leftovers
The Leftovers
The nice guys
Once upon a time in Hollywood
Once upon a time in Hollywood
My Salinger year

Quando aveva solo 16 anni, Margaret ha lasciato la casa nella Carolina del Nord che condivideva con i suoi genitori per studiare all’American Ballet Theatre di New York. Nonostante il grande amore per la danza, le sono stati sufficienti pochi mesi nella Grande Mela per capire che la pretesa di perfezione e la pressione per mantenere restrittivi standard fisici non facevano per lei. Così, Qualley ha optato per il piano b: iscriversi alla Professional Children’s School, la stessa frequentata anche da Scarlett Johansson e Sarah Jessica Parker, e mantenersi lavorando per l’agenzia di modelle IMG. Il motivo? Un corso di improvvisazione nel quale si imbatte per caso le fa realizzare che il suo destino è la recitazione e la convince ad iscriversi alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra. Dopo un’estate passata a studiare Shakespeare, Margaret ottiene il suo primo ruolo in Palo Alto di Gia Coppola. Poco dopo si trasforma nella figlia di Justin Theroux nella serie The Leftovers, nella ragazza scomparsa di The Nice Guys, nella protagonista di My Salinger Year, è la Pussycat che cerca di sedurre Brad Pitt in Once upon a time in Hollywood e Ann Reinking nella miniserie Fosse/Verdon, un personaggio per il quale mette a frutto tutta la sua esperienza come ballerina tanto da guadagnarsi la sua prima nomination agli Emmy. Il background nella danza è rimasto come una sorta di imprinting che risulta evidente nel suo modo di muoversi e di gesticolare. Invece di sottolineare gli anni di studi o il duro lavoro fatto per arrivare alla hit di Netflix, Qualley preferisce ironizzare su una specie di schema che sembra emergere riguardo alla sua breve carriera di attrice che fino ad ora l’ha vista recitare accanto a Brad Pitt, Justin Theroux, Sam Rockwell e Ryan Gosling:

Sono sempre io con un tizio figo e famoso che mi rende davvero nervosa.

Insomma, talentuosa, versatile e anche modesta.

 

È brand ambassador di Chanel

Anche se la sua carriera di modella è stata breve, la moda resta una parte importante nella vita di Margaret. In particolare, la ventiseienne è legata a Chanel di cui è brand ambassador e per cui ha sfilato diverse volte, l’ultima in versione sposa per la collezione Haute Couture Fall/Winter 2021-2022. Anche se ha prestato il volto per campagne pubblicitarie di altre case di moda, come Celine, Rodarte e Kenzo, per i suoi red carpet, l’attrice opta quasi sempre per le creazioni super chic della Maison francese. Durante il Met Gala 2021, ad esempio, ha indossato un look Chanel total white composto da un abito in tulle e organza incrostato di perline e cristalli che pare abbia richiesto oltre 1.300 ore di lavoro, abbinato an piccolo diadema e ad un paio di orecchini chandelier dall’allure vintage. Totalmente opposti sono, invece, gli outfit che indossa lontano dai riflettori. Nella vita di tutti i giorni, Qualley preferisci capi easy, che ricordano quelli del suo personaggio in MAID: jeans, tute e t-shirt oversized, maglioncini tricot, shorts in denim, leggings, capellino da baseball e sneaker.

 

Ha recitato in tre bellissimi video 

Se dopo aver visto MAID vi siete presi una piccola cotta per Margaret e volete scoprire tutta la sua filmografia, il nostro consiglio è cominciare da tre video che trovate facilmente online e secondo molti sono le sue migliori performance. Il primo è My mutant Brain, lo spot per il lancio del profumo Kenzo Worlds diretto da Spike Jonze. Il video si apre con l’attrice che si allontana da una cena e inizia una danza liberatoria, tra piroette e smorfie, creata da Ryan Heffington, la stessa coreografa del videoclip Chandelier di Sia. Il secondo video da guardare con attenzione è apparso su Instagram qualche tempo fa e vede Qualley fingersi l’innamorata di Miranda July. Nel giro di pochi minuti la talentuosa ventiseienne sgambetta, piange, si dimena disperata e chiede Miranda di sposarla. Tutto via FaceTime. L’ultimo video, invece, è la trasposizione visiva di Love Me Like You Hate Me brano di Rainsford, nome d’arte di Rainey Qualley, la sorella di Margaret. Mentre le note scorrono, sullo schermo si alternano le immagini poetiche dell’attrice e di Shia LaBeouf (con il quale Qualley ha fatto veramente coppia e che ha lasciato a inizio 2021 in seguito alle accuse di molestie da parte della fidanzata precedente di lui, FKA Twigs) che raccontano il loro viaggio sentimentale dall’innamoramento fino alla crisi.

 

Tra le sue BFFs ci sono Cara Delevingne, Lily-Rose Depp e Kaia Gerber

Margaret Qualley, Cara DelevingneLily-Rose Depp e Kaia Gerber sono amiche. Guardandole tutte e tre insieme sembra di stare nel backstage di una sfilata di Chanel ed è forse così, tra un evento mondano e l’altro, che le quattro girls hanno cementato la loro amicizia. Il background è simile: tutte figlie d’arte, it-girl cresciute tra privilegi, lusso, celebrities, arte, coolness. Tutte dotate di talento, bellezza e senso dello stile, capaci di alternare con assoluta nonchalance eleganti abiti da red carpet e tute oversized, gioielli costosissimi e pezzi così normcore che se le indossassimo noi anche il nostro cane rifiuterebbe di farsi vedere in nostra compagnia, ma, invece, su Margaret & co, funzionano.