Calcola il tuo ascendente

Vedi tutti

5 cose che potresti non sapere su Alexa Demie, la star di Euphoria

Talenti nascosti, l'amicizia con Petra Collins e il mistero sulla sua età

5 cose che potresti non sapere su Alexa Demie, la star di Euphoria Talenti nascosti, l'amicizia con Petra Collins e il mistero sulla sua età

Dal suo ruolo di Estee in Mid90s ad Alexis Lopez in Waves, passando naturalmente per la parte che l’ha resa celebre sul grande schermo, la cheerleader irriverente Maddy Perez nella serie ‘manifesto della Gen Z’, Euphoria, negli ultimi anni Alexa Demie ha dominato lo stereotipo di rappresentazione adolescenziale nel cinema e nella televisione con i suoi outfit striminziti ed il fascino latino. Con la seconda stagione di Euphoria uscita il 9 novembre su HBO, oltre agli intrighi amorosi e le relazioni tossiche, torneranno anche gli infiniti loop di TikTok e tutorial youtube di ragazzine entusiaste che ne riproducono make up e look, con tanto di pantaloni a vita bassa e mini top ispirati alla star della serie (scusa Zendaya), Maddy Perez, la reginetta del ballo che vive una relazione violenta con l’atleta Nate Jacobs, interpretato da Jacob Elordi. Eppure, nonostante la notorietà, Alexa Demie è ancora un mistero, con una carriera che spazia dal canto alla regia e poca voglia di mostrarsi sui social. Ecco qui una lista di 5 cose che potreste non conoscere sulla star di origini messicane.

Talenti nascosti 

Oltre a recitare, Demie è una cantautrice sin dai tempi del liceo, ha pubblicato il suo primo singolo, Girl Like Me nel 2016 e ha lavorato al suo primo EP prima di tornare a girare la seconda stagione di Euphoria, pubblicando il singolo uscito in anteprima qualche mese fa Leopard Limo. Come se non bastasse, Demie è anche una stilista: l'ultimo anno delle superiori, si è recata in Giappone per produrre una collezione di occhiali chiamata Mainframe, iniziata come un hobby dopo la scuola e diventata presto una linea di successo a LA, indossata da celebrità come Nicki Minaj e Jennifer Lopez al SNL.

Il mistero dell'età

In gran parte delle interviste durante la Euphoria-mania del 2019, è stato riportato che Demie avesse 24 anni, il dibattito sulla vera età di Damie nasce quando gli investigatori di Internet sono riusciti a risalire al suo annuario: secondo il l’elenco degli alunni del liceo si sarebbe diplomata nel 2008, il che le renderebbe 31enne fra pochi giorni. La sua pagina Wikipedia ai tempi riportava le opzioni 1994/1995, mentre oggi compare l’anno 1990. Alcuni fan hanno inondato Twitter con meme di Demie che hanno alimentato una dibattuta cospirazione virtuale, degenerata in meme che ritraggono Alexa nei panni di un vampiro immortale, scovando foto che la ritraggono insieme a celebrity ‘datate’ dello star system come Sky Ferreira, Grimes, Azealia Banks e rendendo il tutto ancora più confuso. Senza una risposta da Demie, la controversia si è estinta rapidamente. Tuttavia, l’AgeGate di Demie rivela quanto sia fragile il concetto di età a Hollywood, (in particolare quando si tratta di donne) e quanto la rappresentazione dello stereotipo adolescenziale sul grande schermo sia generata da personaggi che di adolescenziale hanno ben poco (vedasi Riverdale), suscitando un loop infinito di stereotipi irrealistici sulla fisicità, la condotta e la vita che gli adolescenti sentono di dover avere oggi in base ai modelli che vedono rappresentati. In più Amanda Lear ci insegna che se c’è davvero qualcosa che può renderti famoso è il dubbio, la showgirl dalla voce profonda ha basato la sua carriera proprio sull’ambiguità: per molti anni i suoi fan si sono chiesti la verità sul suo sesso biologico, se fosse nata uomo o donna e tutt’oggi non si conosce la sua vera età. 

Signature make-up

Alexa è stata cresciuta da una madre single, Rose Mendez, truccatrice di origini messicane, non sorprende dunque che dopo un’infanzia passata tra riviste e pennelli, abbia voluto prendere parte attiva all'ideazione del distintivo make up indossato nella serie e realizzato da Doniella Davy. Tra strass e ombretti in color block, vistoso e spregiudicato almeno quanto le icone pop a cui si ispira, in Euphoria il makeup di Maddy è un revival anni Novanta e Duemila, fatto di strass all over e cat-eyes. Nella serie il trucco contribuisce a definire la storia e la personalità di ciascun personaggio, nel caso di Maddy il dolore per un’infanzia spezzata e la relazione tossica col fidanzato psicotico viene nascosta dietro una facciata fatta di linee di eyeliner decise e ombretti sgargianti, mentre la sua vulnerabilità traspare attraverso strass e perline, per mettere in luce il suo animo romantico e, nonostante tutto, pieno di speranze. 

Il rapporto con la madre

In un'intervista per Instyle, Alexie ha parlato delle affinità che legano la storia personale della madre Rosa Mendes, al personaggio dal lei interpretato in Waves, Alexis, entrambe infatti hanno deciso di portare avanti una gravidanza in giovane età nonostante le numerose difficoltà e l’ostilità della famiglia: “mia madre mi ha avuto in tenera età e tutti le hanno detto di abortire perché era così giovane e non avrebbe avuto alcun aiuto finanziario. Ho cercato di sentire quello che provava lei in quel momento, come fosse irremovibile nel tenere il suo bambino nonostante quello che dicevano tutti intorno a lei.” Il primo lungometraggio che segnerà il debutto di Alexa come regista racconta proprio la storia della signora Mendes, truccatrice immigrata a Los Angeles dal Messico che cresce nella scena dei club di Hollywood degli anni '80.

 Il libro fotografico con Petra Collins

Alexa Demie ha posato per l'amica Petra Collins per il libro fotografico edito Rizzoli, Fairy Tales, oltre 154 pagine patinate piene di storie erotiche di folklore, alimentate da sogni febbrili. Collins, artista, direttrice della fotografia, modella, attrice, regista di video musicali per Selena Gomez, Cardi B e Olivia Rodrigo, oltre che volto di Gucci nel 2016, cattura Demie come non l'abbiamo mai vista prima in una surreale rivisitazione delle fiabe che conosciamo e amiamo, che si trasforma in una serie di creature mitiche - elfi, sirene, banshee, angeli caduti e streghe - tutte incorporate in nove storie che hanno scritto insieme.