ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vedi tutti

6 piattaforme di moda sostenibile

Per capire cosa significa davvero sostenibilità e trovare i prodotti giusti da acquistare

6 piattaforme di moda sostenibile Per capire cosa significa davvero sostenibilità e trovare i prodotti giusti da acquistare

Sempre più spesso si sente parlare di sostenibilità, e per chiunque sia appassionato o lavori nel settore della moda, questa parola è diventata parte della quotidianità. Tematica che acquisisce ogni giorno più importanza e soprattutto attenzione da parte del pubblico, sempre più rivolto a scelte consapevoli quando si tratta di comprare un nuovo paio di jeans o una borsa per andare a lavoro.

Non sempre però è semplice reperire prodotti sostenibili, oppure in molti casi è difficile comprendere il "livello" di eticità del brand, o ancora, i marchi sostenibili più noti sono spesso molto costosi. Questo però non significa che non ci sia abbastanza offerta, infatti il mercato della moda sostenibile è in grande crescita e si può trovare praticamente tutto.

Come capire quindi cosa significa davvero sostenibilità e dove trovare i prodotti giusti? nss G-Club ha selezionato 6 piattaforme di moda sostenibile che, attraverso delle mini interviste, hanno risposto a queste domande.

 

1. RENOON

Renoon nasce ad Amsterdam dalla mente creativa di Iris Skrami, co-founder della piattaforma, che, dopo aver iniziato ad applicare il suo stile di vita sostenibile anche allo shopping, ha pensato ad una soluzione per rendere la sostenibilità più accessibile. Renoon, che pochi giorni fa ha lanciato la nuovissima app invite-only, è la destinazione per chi desidera scoprire ed acquistare nuovi brand e prodotti che siano sostenibili a 360 gradi: 

Innanzitutto la trasparenza è fondamentale, infatti Renoon controlla le informazioni anche attraverso certificazioni e altre organizzazioni. Quindi non c'è bisogno di fare il lavoro da soli durante lo shopping, Renoon verifica per te!

Basta quindi aprire il sito e raggiungere la sezione glossario per iniziare ad esplorare un nuovo mondo.

Quali sono i criteri di Renoon per verificare la sostenibilità? Sono 4+1: tutela dell'ambiente, benessere umano, etica animale, tecnologia e innovazione, nuovo consumo (include seconda mano e noleggio).

Non crediamo che la sostenibilità sia solo una tendenza. È un must. Qualcosa che non possiamo evitare. La moda è una delle industrie più inquinanti! Quindi, ovviamente, c'è ancora molto da fare per i brand così come per i consumatori, per migliorare le proprie abitudini di consumo.

Quali sono i best seller di Renoon? La piattaforma collabora sia con grandi nomi del settore - come Luisaviaroma, Vestiaire Collective, Nanushka - ma anche con marchi giovani e altrettanto interessanti, fra cui HeartBreak Soldiers (maglieria cozy), Kuyichi per i jeans, ZEROBARRACENTO (zero-waste, gender neutral e italiano), Bits (intimo), ACBC (calzature).

Sito web: renoon.com
Instagram: @renoon.official

 

2. STAIY

La piattaforma di moda sostenibile Staiy viene fondata a Berlino da quattro ragazzi italiani nel 2019, influenzata dall'ambiente dinamico e multiculturale della città, dove la sostenibilità era già un argomento rilevante, ma ancora poco esplorato dal settore della moda.

Dopo un'attenta ricerca sul tema, abbiamo scoperto che la moda è il secondo settore più inquinante al mondo; inoltre entrare in contatto con la community di designer indipendenti di Berlino ci ha fatto capire quali fossero per loro le priorità e i problemi: da qui nasce l'esigenza di dare un’alternativa, che ancora mancava, al consumo tradizionale della moda online, che avesse un minore impatto ambientale ma non dimenticasse l'attenzione ad estetica, e alla user experience in generale. Le piattaforme già esistenti non erano orientate alla cura del dettaglio, così abbiamo deciso di colmare questo vuoto con l'obiettivo di fare la differenza. - racconta il co-founder Ludovico.

Questo si riflette anche nell'apertura di un concept store a Berlino per stabilire un'evoluzione dal punto di partenza, la moda, in qualcosa di più completo, un vero e proprio lifestyle. L'obiettivo di Staiy è quello di creare una community che condivida valori di estetica, etica e innovazione

Quali sono i criteri di Staiy per verificare la sostenibilità? La selezione di Staiy si basa su 5 pillars: acqua, aria, materiali, condizione del lavoratore, e impegno del brand. Sulla base di 62 domande relative a queste dimensioni, si ottiene un punteggio finale: se il risultato è al di sopra del minimo il brand può entrare a far parte della realtà. Oltre ai valori "misurabili" sono valutati anche la filosofia, i valori e la comunicazione del brand, con cui si può poi impostare un percorso di crescita. Inoltre, l'obiettivo di Staiy è quello di applicare una valutazione ancora più specifica, analizzando i singoli prodotti offerti e non solo i marchi in generale.

"È importante per il consumatore conoscere i valori dietro i marchi che acquista, e farsi delle domande come: Cosa c’è all’interno del prodotto? Da dove arriva? Quali sono la filosofia e i valori di questo marchio? Bisogna essere curiosi. Le possibilità ci sono, si possono trovare tante alternative. Bisogna scoprirle e poi provare.”

Quali sono i best seller di Staiy? Fra i best seller, per il mercato italiano troviamo Artknit Studios, mentre più in generale un brand molto apprezzato è Komodo. Staiy afferma di aver riscontrato un successo abbastanza eterogeneo, che coinvolge anche i nuovi brand selezionati più di recente.

Sito webstaiy.com 
Instagram@staiy_official 

 

3. TALIA COLLECTIVE

Talia Collective si definisce come un "marketplace editoriale", nato con due obiettivi principali: contrastare ed eliminare il greenwashing, e proporre contenuti educativi in tema di sostenibilità. Attraverso la piattaforma si possono conoscere ed acquistare in modo consapevole marchi di moda, beauty e lifestyle. Talia Collective mira ad informare e a rendere la sostenibilità accessibile, ma anche cool, divertente e aspirazionale.

"Talia Collective vuole cambiare la percezione della sostenibilità da parte delle persone, da richiesta a desiderata. La nostra convinzione è che la vita etica non possa più essere un'opzione o una tendenza, ma deve invece essere la nuova normalità."

Quali sono i criteri di Talia Collective per verificare la sostenibilità? Per selezionare i prodotti, Talia Collective ha definito 8 criteri principali: produzione consapevole; cruelty-free e vegano; materiali eco-friendly; produzione locale; utilizzo dell'acqua; circolarità; give-back culture.
Inoltre, hanno deciso di collaborare solo con coloro che sono disposti a impegnarsi in miglioramenti significativi per un periodo di almeno due anni.

"È importante scegliere sempre la qualità rispetto alla quantità: ricordate che la sostenibilità riguarda le persone oltre che l'ambiente. Se una maglietta costa il prezzo di un cappuccino, quanto può essere stato pagato l'operaio?"

Quali sono i best seller di Talia Collective? La piattaforma collabora con realtà che intendono il lusso in modo etico e consapevole, selezionandoli attraverso ricerche approfondite. Alcuni marchi, fra quelli presenti sulla piattaforma, sono Vernisse (brand italiano di moda upcycled), Shekudo, AAKS (marchio ghanese di accessori intrecciati a mano con materiali provenienti da fattorie locali), Inhala SoulwearIrene Forte Skincare, Tata Harper.

Sito webtaliacollective.com
Instagram@taliacollective

 

4. RÊVE EN VERT

Rêve En Vert è una piattaforma interamente dedicata alla vita sostenibile. Riunisce il meglio della moda etica, di prodotti lifestyle, homeware, e beauty consapevole, insieme a contenuti educativi e una grande attenzione all'estetica e alla presentazione. Una curiosità? Il team è interamente composto da donne che vivono e lavorano a East London.

"L'idea di Rêve En Vert è nata mentre frequentavo un corso sulle energie rinnovabili. Il professore disse che, dopo l'industria del petrolio e del gas, la moda era la seconda industria più inquinante al mondo. Sono rimasta completamente scioccata. Ai tempi non potevo credere che un settore apparentemente così innovativo e creativo potesse essere così indietro rispetto alle preoccupazioni ambientali e umanitarie." racconta la founder.

Quali sono i criteri di Rêve En Vert per verificare la sostenibilità? Sono 4 i pillars principali di REV: organico, re-made, locale ed equo, oltre alle certificazioni ufficiali. Sul nuovo sito web, per ogni articolo vengono specificati e descritti in modo ancora più approfondito le motivazioni per cui può essere considerato sostenibile.

"Per me, il fast fashion è come mangiare in un fast food: le patatine fritte possono avere un sapore buono al momento, ma poco dopo ti senti malissimo. Immagina come staremmo tutti meglio se prestassimo quel tipo di attenzione anche quando consumiamo moda e beauty." - aggiunge la founder.

Quali sono i best seller di Rêve En Vert? Si parla di sostenibilità a 360 gradi: moda sostenibile,  beauty organico, homeware consapevole e articoli per il benessere. Nell'ultimo periodo, i best seller sono stati i capi basic, gli essentials, e la lingerie. In forte crescita marchi come The Wylde e Indigo Luna: entrambi sono australiani, usano solo coloranti e tessuti naturali a base vegetale e hanno un mood piuttosto naive. In generale, l'approccio del consumatore è rivolto a prodotti da vivere ogni giorno e che possano durare negli anni.

Sito web: reve-en-vert.com
Instagram@revenvert

 

5. WEAR CONSCIOUSLY

Wear Consciously è la destinazione per lo shopping nativa digitale per le donne alla ricerca di abbigliamento e gioielli sostenibili ed etici. Una selezione curata di marchi che danno priorità a cause sociali ed ambientali, su una piattaforma immediata che offre l'esperienza di una boutique digitale.

"Ho lavorato nell'industria dell'abbigliamento in Bangladesh, ed è stato allora che ho compreso appieno l'entità dei problemi sistemici che esistono nella moda. Ero profondamente frustrata da quanto l'industria della moda sia sfruttatrice e dannosa per l'ambiente, e spesso mi sono sentita in colpa. Così ho iniziato a pensare ai modi con cui avrei potuto fare la differenza, e nel 2020 è nato Consciously." - racconta la founder Maisa.

Quali sono i criteri di Wear Consciously per verificare la sostenibilità? Sono 8 i criteri di sostenibilità della piattaforma per selezionare i marchi, e sono: commercio equo e solidale; vegano; lavoro manuale; trasparenza; female-founded; POC-founded; produzione in piccoli lotti; materiali eco-compatibili.

"Secondo uno studio Nielsen del 2018, si stima che il mercato della sostenibilità degli Stati Uniti raggiungerà i 150 miliardi di dollari di vendite nel 2021, guidato principalmente dai Millennials: i consumatori sono sempre più motivati ​​verso l'attenzione all'ambiente e alla società. Sono persino disposti a pagare di più per questo." - aggiunge Maisa.

Quali sono i best seller di Wear ConsciouslyAttualmente offrono 32 marchi da diversi paesi in tutto il mondo. I bestseller sono Yala Jewelry, Whimsy+Row, No Nasties, Katie Dean Jewelry, Devlyn Van Loon, L’Envers e Milo+Nicki.

Sito webwearconsciously.co
Instagram@wearconsciously

 

6. ETHICAL MADE EASY

Ethical Made Easy è una piattaforma globale per scoprire i migliori marchi sostenibili nel mondo, per trovare l'ispirazione ed iniziare ad adottare uno stile di vita più etico. Nasce nel 2016, da un'esigenza della founder Jasmine Mayhead di trovare un modo per scoprire facilmente marchi etici e scoprire le loro storie. 

"Tutto è iniziato durante una vacanza in Cambogia. Dopo aver barattato per una borsetta da $9 in un mercatino locale, Jasmine è tornata al suo hotel e per coincidenza ha guardato il documentario "The True Cost". Le ha aperto gli occhi su molte delle ingiustizie che si verificano nell'industria della moda e qualcosa è scattato dentro di lei". - si legge sul sito.

Attraverso il processo di selezione ed analisi, Ethical Made Easy aiuta a capire che significa essere un marchio etico e sostenibile, cosa che spesso non è completamente chiara al consumatore; EME è anche un luogo che celebra le storie di questi brand e dei loro fondatori.

"Esistiamo per rendere il processo di selezione degli acquisti semplice, facile e stimolante per il consumatore". 

Inoltre, il sito offre una sezione dedicata ad app, libri, documentari e podcast rivolti a sostenibilità ed eticità, per accrescere la consapevolezza e fornire delle informazioni utili a chi vuole approcciarsi a questo mondo.

Sito web: ethicalmadeeasy.com
Instagram@ethicalmadeeasy