Calcola il tuo ascendente

Vedi tutti

Luoghi della Moda: Villa Casuarina di Gianni Versace

Da teatro di feste e segreti della famiglia Versace a hotel di lusso dal fascino senza tempo

Luoghi della Moda: Villa Casuarina di Gianni Versace Da teatro di feste e segreti della famiglia Versace a hotel di lusso dal fascino senza tempo

La terza casa più fotografata d'America dopo la Casa Bianca e Graceland è su Ocean Drive, la strada di Miami Beach costellata di maestose ville e palazzi Art Deco. È stata teatro dell'omicidio a sangue freddo del suo proprietario, Gianni Versace. Uno stilista creativo e sensibile alla moda e ai suoi meccanismi che, dopo aver rivoluzionato lo stile anni ottanta ed aver battezzato a livello mondiale top model come Linda Evangelista, Claudia Schiffer, Cindy Crawford e Naomi Campbell, ha acquistato la villa a Miami Beach nel 1992. Versace decide di fare sua la casa dopo essere rimasto folgorato dalla scultura bronzea di Afrodite all'ingresso, e la acquista per 32 milioni di dollari. Sul cancello troverà la morte solo qualche anno dopo, nel 1997, per mano del giovanissimo modello Andrew Cunanan, come raccontato dalla docu-serie American Crime Story, The Assassination of Gianni Versace. Le grandi suite ideate e decorate in pieno stile Versace, hanno negli anni ospitato non solo la troupe di FX, ma anche feste grandiose con star del calibro di Madonna, la Principessa Diana, Elton John, ma anche Kim Kardashian, Justin Bieber, Jay-Z e Beyonce che hanno affittato più volte l'intera villa per vacanze private. Oggi Villa Casa Casuarina è adattata a boutique hotel di lusso con un ristorante italiano di grande prestigio all'interno, Gianni's. Villa Versace ha un fascino accattivante e misterioso, tra le decorazioni barocche e i mosaici in oro 24 carati si nascondono molti tesori da scoprire e storie da raccontare.

 

La struttura

I 24 appartamenti costruiti su 7010.4 metri quadrati dall'architetto Alden Freedman nel 1093, sono stati reinterpretati da Versace e dal suo fedele design team in otto camere da letto, due cucine, 10 bagni, un bar, una libreria e quattro salotti.

Lo stilista ha poi acquistato la proprietà adiacente per 3.7 milioni di dollari e annesso a Casa Casuarina un ulteriore spazio di 1859 metri quadri dove Terry Scott, Sybil de Bourbon Parme e Wallace Tutt e lo stilista hanno lavorato in sinergia - come già fatto per la casa milanese e la Villa sul Lago di Como dello stilista - per costruire la famosissima piscina con la Medusa, il giardino, la terrazza ed un piccolo cottage per gli ospiti. Versace ha interpretato il suo gusto personale con un sapore fortemente barocco e ispirato all'arte Greco-Romana. "Per leggere ho la mia casa sul Lago di Como" disse in un'intervista, lasciando trasparire la voglia di divertimento infusa nell'architettura e nelle decorazioni dorate, colorate e opulenti, senza paura di esagerare, in pieno stile Versace.

 

La piscina mosaico

Appena entrati nella Versace Mansion è impossibile non notare la maestosa piscina mosaico, con pareti in marmo bianco con decorazioni a rilievo che ricordano una piscina termale. Il fondale lascia senza fiato: i tasselli in marmo e oro 24 carati creati dalla compagnia milanese Fantini Mosaici, e la Marine Vanitas, stampa originale del marchio italiano che decora i classici foulard in seta. Al centro della piscina regna sovrano il logo della famiglia, la Medusa, in oro. 

Adiacente alla piscina le docce marocchine e la palestra della Villa, che celebrano il culto del corpo e della bellezza. Il giardino è un lussureggiante eden privato, dove Gianni, Donatella e la loro cerchia di famosissimi amici hanno goduto degli eccessi della vita mondana di Miami, come ben ricostruito da American Crime Story e dalla cronaca scandalistica degli anni '90. Oggi è un luogo di culto per gli appassionati di moda, e su Instagram spopolano i selfie e le foto ricordo di fronte a quello che ormai è un monumento di Ocean Drive.

 

Le suite

Le camere sono il fiore all'occhiello della sontuosa villa e sono all'incirca 10, tra cui quattro suite gioiello che lo stilista italiano ha pensato per la sua amata famiglia, tutte complete di salotto, camera da letto con armadio e lussuosissimo bagno. Sul primo piano che si affaccia sul giardino si trovano l'elegante Signature Suite pensata per il fratello Santo, la Azure Suite con tocchi di azzurro polvere per il nipote Daniel, la Aviary Suite per la nipote Allegra e la sua passione per il mondo dei volatili. 

Ma la più iconica è sicuramente la suite che celebra la musa ispiratrice di Gianni, colei che incarna la Medusa: la Venus Suite è interamente dedicata a Donatella Versace e decorata come un vero castello. I dettagli echeggiano alla Magna Grecia e si fondono con delicati affreschi floreali, che mimano un giardino in fiore con un tromp d'oeil che culmina in un cielo circondato da rose gialle proprio sopra l'enorme letto di quasi 3 metri con cuscini logati. Villa Suite è l'attuale nome delle stanze dove Gianni Versace alloggiava, in cui ogni angolo è decorato con libri finti, curati da un addetto a tempo pieno. Tutte le stanze dedicate alla famiglia del designer sono state restaurate dall'odierno proprietario per rispecchiare lo stile originario, dove lo stemma scelto dalla casa di moda regna sovrano in ogni dettaglio, dalle cassettiere con maniglie a leone al motivo greco che decora le abatjour. 

 

L'osservatorio astrologico e altri segreti

La passione per la cultura si materializza negli spazi comuni di Casa Casuarina. Dopo le docce marocchine, Gianni Versace ha pensato ad un osservatorio astrologico con pareti blu ricoperte di stelle dorate, motivo comune in sinagoghe e moschee. Il contrasto dell'oro luminoso sul blu scuro crea un'atmosfera raccolta e quasi spirituale, per non parlare dell'ottima acustica presente nello spazio grazie alla forma a cupola. Drake ha scritto diverse canzoni nell'osservatorio di Villa Casuarina, ed ora forse capiamo il motivo dell'ispirazione. 

La Villa cela dei segreti che dopo la morte del designer non è stato più possibile svelare. La manager dell'attuale boutique hotel di lusso conferma che ogni stanza aveva dei passaggi segreti che le collegavano alle altre, per favorire il passaggio degli ospiti in maniera privata. Ad oggi i passaggi sono stati chiusi, ma la loro vera funzionalità rimane ignota. Si parla di un tunnel segreto che passa sotto la magione accanto alla piscina monumentale, accessibile solo tramite codice segreto nascosto tra i tasselli dell'enorme mosaico della Medusa di fronte alla piscina, secondo Jim Dobson di Forbes. Un altro mistero che reste celato è perchè Madonna facesse cambiare i servizi igienici ogni volta che tornava ad essere ospite in Villa. Sicuramente gli affreschi e i mosaici hanno visto momenti tanto privati quanto misteriosi, ed infatti parlano da soli in tutta la loro solenne eleganza.