Vedi tutti

Come creare un terrarium fai-da-te

Un passatempo divertente e creativo per portare un po' di natura anche in casa

Come creare un terrarium fai-da-te  Un passatempo divertente e creativo per portare un po' di natura anche in casa

Rendere casa un posto più ospitale è un obiettivo che parte dai dettagli, e avere un po’ di verde nel proprio appartamento fa bene sia alla vista che al cuore. Spesso però non si nasce col pollice verde e le piante da interni si rivelano troppo difficili da gestire oppure non si ha spazio a sufficienza per far diventare il salotto il polmone verde che tanto si desidera. Il terrarium è la soluzione perfetta a limiti di spazio e pazienza per portare in casa la freschezza del mondo naturale: un piccolo giardino in vasetto, dove piante decorative crescono in un ambiente chiuso, realizzabile in casa con pochi strumenti, personalizzabile e accessibile dall’esterno per permettere modifiche continue. E’ un piccolo mondo di vetro dove la natura verde risplende di creatività e voglia di vivere per non dimenticare mai cosa c’è (ancora) fuori dalla porta di casa. Nss g-club non poteva fare a meno di guidarvi nella creazione di questo piccolo paradiso portatile di interior design.

Cosa serve

La lista del necessaire è breve e facilmente reperibile, lo sforzo minimo ed i livelli di soddisfazione altissimi. Ma la parte migliore di realizzare un terrarium fai-da-te è ottenere un elemento decorativo unico nel suo genere, capace di stupire anche chi lo crea. Anche in questo caso, non dimenticare lo styling renderà il progetto più bello e aderente al proprio mood.

  • Vaso di vetro 

Westwing Vaso in vetro fatto a mano

Westwing Vaso in vetro fatto a mano

43€
Westwing Vaso in Vetro fatto a mano

Westwing Vaso in Vetro fatto a mano

30€
Ikea Viljestark Vasi in vetro

Ikea Viljestark Vasi in vetro

17 cm 0,50€ 8 cm 0,50€
Ikea Klottrig Vaso in vetro

Ikea Klottrig Vaso in vetro

4€
Westwing Vaso a sfera con struttura in metallo Ada

Westwing Vaso a sfera con struttura in metallo Ada

17€

Il contenitore in vetro gioca un ruolo chiave nella realizzazione del terrarium. Non esiste il vaso perfetto, ma solo quello che più si addice al progetto: vasi panciuti, lunghi, lisci o con texture, in legno per un effetto “serra” o con dettagli in metallo per dare un tocco glam.

  • Piante e piantine grasse

IKEA CACTACEAE Pianta con vaso, cactus/specie varie

IKEA CACTACEAE Pianta con vaso, cactus/specie varie

5€
PLANTS.COM Musa Nana Baby

PLANTS.COM Musa Nana Baby

3,95€
PLANTS.COM Rex Bowery Begonia Baby

PLANTS.COM Rex Bowery Begonia Baby

4,95€
PLANTS.COM Medallion Calathea Baby

PLANTS.COM Medallion Calathea Baby

4,45€
PLANTS.COM, Philodendron Moonlight Baby

PLANTS.COM, Philodendron Moonlight Baby

4,95€

Scegliere cactus e le piante aeree. Sono senza radici e vivono assorbendo l’umidità necessaria dall’aria ma attenzione: le piccole soffrono il freddo, ed è bene non tenerle mai a meno di 7° (anche se difficilmente fa così freddo in una casa). E’ sempre bene decidere di inserire nel proprio terrarium piante senza radici, adatte alle dimensioni del vaso o del contenitore in cui andranno riposte e adatte agli ambienti umidi per evitare di farle soffrire all’interno di un microclima portatile.

  • Ciottoli (o sassi raccolti in vacanza)

Strato decorativo e deumidificatori di ambiente, i ciottoli completano l’appeal estetico del terrarium come la panna montata sul gelato. Aggiungere qualche sasso rubato dalla spiaggia quest’estate riempirà il progetto di vibrazioni positive. 

DYFT Decorazione, pietre, bianco650 g

DYFT Decorazione, pietre, bianco650 g

2,50€
Sassi decorativi

Sassi decorativi

1,50€

  • Terriccio

Kit Giardiniere Baby

Kit Giardiniere Baby

2x 9cm vasetti di terracotta e 3l terriccio 8,45€

Senza terra dove crescono le piante?

  • Muschio

Per donare quell’effetto boschivo al polmoncino in costruzione.

  • Elementi decorativi a scelta

Non c’è mai una spiegazione precisa del perchè si personalizzino le proprie cose.

  • Granuli vegetali o carbone attivo.

A scopo decorativo ma anche di nutrimento del suolo, che per restare idratato deve avere il giusto apporto di minerali, proprio come chi crea il terrarium!

  • Tappo in sughero (opzionale)

Per tenere al caldo e al sicuro le piantine.

Procedimento 

  1. Identificare la zona in cui andrà posizionato il terrarium, anche a seconda del vaso scelto. 

  2. Pulire bene il vaso all’interno, come si farebbe per i gioielli.

  3. Posizionare uno strato di circa due centimetri di ciottoli nel vaso

  4. Aggiungere granuli vegetali o carbone attivo da distribuire sopra ai ciottoli;

  5. Abbondare di terriccio in modo che le piante possano attecchire bene;

  6. Creare delle piccole cavità nel terreno, aiutandosi con le mani o qualche attrezzo. 

  7. Inserire le piante nei fori creati e compattare la terra 

  8. Aggiungere il muschio, leggermente inumidito, e disporlo sul terriccio. Premere leggermente.

  9. E’ il momento di decorare aggiungendo un tocco personale al proprio terrarium con mini-personaggi, gadget, oggetti di qualsiasi tipo o fiori finti.

 

Dritte per un risultato perfetto

Una volta raccolto tutto il materiale necessario, il piccolo angolo verde è pronto per diventare realtà. Dopo aver deciso styling e decorazione ed aver aggiunto un tocco personale al terrarium, gli unici accorgimenti da tenere sono manutenzione e scelta delle piante. Il mini paradiso terrestre necessita di essere pulito mensilmente, perchè la polvere presente in tutti gli ambienti domestici può impadronirsi della sua superficie. Un trucchetto può essere utilizzare un tappo di sughero per chiudere il terrarium e tenerlo più caldo, evitando così anche i depositi di polvere. Inoltre, attenzione alla scelta delle piante.  Ultimo punto ma non per importanza, d decorare il layout del progetto DIY può essere qualsiasi cosa! Da oggetti di uso comune, a conchiglie, sassi e piccoli gadget simbolici tutto è concesso nel terrarium. Un ottimo spunto viene dal terrarium designer Tim Wong, che decora i suoi micro-mondi con le top drop di sneakers, paragonando piante e scarpe come opera d'arte organica. In quello di nss g-club ci sarebbe sicuramente una sneaker viola.