Love Match Celebrities Edition

Vedi tutti

A New York apre il primo Makeup Museum del mondo

Con una mostra dedicata agli anni ’50

A New York apre il primo Makeup Museum del mondo Con una mostra dedicata agli anni ’50

Il 94 Gansevoort St, nel Meatpacking District, è il nuovo indirizzo nella Grande Mela per tutte le beauty addicted. Qui, infatti, aprirà il prossimo 20 maggio il primo Makeup Museum al mondo, un intero spazio dedicato alla storia della bellezza e al suo continuo impatto sulla società che ripercorrerà oltre 10mila anni: dall’antico Egitto alle Geishe giapponesi, dalla cultura pop, passando per il trucco delle drag queen. 

Il Makeup Museum è un’istituzione essenziale per il panorama culturale di New York e del mondo.

Ha dichiarato Doreen Bloch, direttore esecutivo e co-fondatore del museo insieme a Rachel Goodwin, che ha aggiunto:

Il Makeup Museum parla di artisti, creatori e amanti del maquillage di tutto il mondo. Voglio sottolineare il notevole impatto che i truccatori hanno avuto sulle norme culturali. Il nostro obiettivo è organizzare molte mostre e immergere i visitatori in tempi diversi, per fargli comprendere l’impatto che l’universo della bellezza ha avuto su ciascuno di essi.

La prima mostra in programma, Pink Jungle: 1950s Makeup in America, si annuncia già imperdibile. Sarà l’occasione per viaggiare attraverso gli anni Cinquanta, un’epoca fondamentale per il make-up, segnata dalla nascita di brand pioneristici come come Elizabeth Arden, Sally Hansen, Max Factor ed Helena Rubinstein, ma anche da mode e dive intramontabili come il rossetto rosso di Marilyn Monroe o il cat eye di Brigitte Bardot. In mostra ci saranno prodotti storici, tra cui la collezione per il viso di Erno Laszlo utilizzata da Marilyn e Greta Garbo, accompagnati da informazioni, spazi dedicati all’estetica, eventi a tema, masterclass esclusive. Ci sarà un’area VIP in cui i visitatori potranno creare la propria tonalità di rossetto simile a quelle indossate da Audrey Hepburn, Dorothy Dandridge, Anna May Wong o altre it-girl del decennio.

Gli anni ’50 sono il periodo perfetto per la mostra d’esordio del Makeup Museum perché segnano la nascita della moderna industria cosmetica. 

Sottolinea Doreen Bloch, che collaborerà al progetto con Caitlin Collins, ex direttrice di Makeup.com, e la make-up artist Vlada Haggerty

I biglietti saranno in vendita a marzo 2020 e lo spazio semi-permanente del museo, come spiega WWD, sarà aperto per sei mesi a partire dalla prossima primavera, ma si prevede di aprire uno spazio permanente in un flagship space di New York, oltre ad altri avamposti in tutto il paese.